Regali alle maestre? Se proprio, che siano libri!

Mi aspettavo che sarebbe arrivato il fatidico momento, a maggio.

Avete mai fatto caso che l’isteria delle madri a maggio si moltiplica perché sembra che ci sia vita, sul pianeta Terra, solo in quel mese lì?

Saggi, recite, pizzate, feste di fine qualcosa, toto regali alle maestre, matrimoni, cresime, comunioni. Tutto succede a maggio.

Nel vortice uno rischia di perdersi o quantomeno di fare le scelte sbagliate, del tipo che compri le solite tazzine a chi si sposa e una penna a quello che fa la Cresima, poveretto.

Per le maestre quest’anno sono arrivata pronta, prontissima. Posto che io non sono d’accordo con i regali personali a persone che svolgono il loro lavoro, a professioniste che vengono pagate per educare e accudire i miei figli, sono invece molto pro a regali utili per il lavoro della classe intera. Una donazione al sapere comune, se vogliamo.

Niente di meglio di…libri!!!

Vi propongo 3 must secondo i miei modesti gusti.

Continua a leggere

“Un sottomarino in paese”: parliamo ai bambini di guerra e di pace

Un giorno trovo una mail nella mia casella di posta, un giorno come tanti ma una mail come poche perché dentro ci ho trovato un sogno.

Il sogno di Vanessa: far sorridere e riflettere grandi e piccini su uno dei temi caldi di oggi (e di sempre, in realtà) attraverso le parole e le immagini.

Così nasce “Un sottomarino in paese”, un libro per bimbi da 6 a 100 anni perché non è mai troppo tardi per continuare a sognare e a sperare.

Come lei stessa mi ha scritto:

È una storia buffa a sfondo pacifista, che parla della guerra e della solitudine che porta con sé, della solidarietà e dell’integrazione (perché il protagonista è un “elemento estraneo” che arriva in una comunità completamente diversa da lui…) in maniera semplice e divertente.

copertina

Continua a leggere

Giochi in legno, che passione

Il legno è un materiale che apprezzo da poco, sono sincera.
Da ragazzina, pensavo fosse da vecchi.
Da donna, penso che sia un modo per trasmettere calore, naturale e sicuro.
Da mamma, ho imparato ad apprezzare il legno come parte integrante dei giocattoli dei Cinni.
Li ho preferiti spesso ai materiali plastici, un po’ per la loro resistenza agli urti (che solo il test di due maschi scatenati può provare), un po’ perché hanno un fascino speciale che non muore mai.

Nella nostra collezione sono entrati anche i fiori ad incastro di BadaBirba.
Un gioco molto semplice eppure dalle mille proprietà nascoste.

image

Continua a leggere

Rinnovare casa? Usiamo il colore!

Sapete qual è l’aspetto migliore di traslocare di continuo?
Reinventare.
Non ci si annoia mai.
Ogni volta sei sempre tu e i tuoi oggetti ma ogni volta è come se fossi un’altra te e oggetti diversi.
Niente bisogni e voglie strane tipo non vedere più quell’armadio che hai da 10 anni o quella credenza della nonna sempre più, ehm, “antica”.
Ogni ambiente può essere reinventato, ogni mobile può prendere infinite declinazioni a seconda dei nuovi spazi, delle nuove disposizioni e delle nuove luci che si è costretti a cercare e trovare.
E anche tu ti senti un po’ nuova, stimolata a fare meglio, ogni volta.

Continua a leggere