Manifesto Slow

“It is a cultural revolution against the notion that faster is always better. The Slow philosophy is not about doing everything at a snail’s pace. It’s about seeking to do everything at the right speed. Savoring the hours and minutes rather than just counting them. Doing everything as well as possible, instead of as fast as possible. It’s about quality over quantity in everything from work to food to parenting.”

1. Ho dato la vita a mio figlio ma non sono la sua vita.
Rispetto le sue caratteristiche, il suo modo di essere, le sue preferenze.

2. Non credo ai “10 minuti di qualità” con mio figlio ma alla presenza, alla costanza, al dialogo, all’empatia, all’esserci al meglio delle mie possibilità, rompendo anche un po’ le palle, se serve.

3. Sono io il primo esempio di mio figlio perciò cerco di volermi bene, dico quello che penso, faccio quello che sento. Il più delle volte. L’autostima e il rispetto per sé stessi e per gli altri fanno miracoli.

4. Non ho paura di non sapere come si fa nè di chiedere aiuto a chi è più esperto di me ma alla fine non chiedo permesso a nessuno. Ben che meno a mio figlio.
Il genitore e l’adulto qua sono io.

5. La gentilezza è la migliore arma.

6. Ho fiducia in mio figlio e nelle sue capacità.
Devo accompagnarlo lungo la sua strada, non percorrerla al posto suo.
Per questo gioco con lui, a modo suo.
Può uscire con una maglietta verde pisello e un pantalone giallo fluorescente, se gli va.
Può sporcarsi mentre mangia o colora, può fare casino, può essere spontaneo, può sbagliare. E anche io.

7. Non credo nella perfezione.
Non posso fare tutto, conoscere tutto, essere ovunque e sempre al top.
La vita è fatta di scelte e priorità: stop alla glorificazione dell’essere sempre impegnati, stressati, di corsa.
Ritagliamoci momenti quotidiani di serenità.

8. Ho un gran rispetto per il tempo perciò rallento.
Mi concedo tempo e spazio per conoscere i miei limiti, per imparare qualcosa, per ascoltare, per migliorarmi, per godermela.
E lo stesso trattamento lo riservo a mio figlio.

9. Il “lavoro” di un bambino è giocare.

10. Elimino i sensi di colpa e creo un ambiente positivo.

11. Spengo la tv e accendo la creatività. Less is more.

12. It takes a fool to remain sane.
Un po’ di sana follia, il buonumore, la positività ci salveranno dalle montagne di pannolini, responsabilità e notti insonni che sono parte dell’essere mamma. Ridete, mamme. Più che potete.

E tu quanto sei slow?
Raccontami la tua filosofia.

Annunci

7 pensieri su “Manifesto Slow

  1. alicearienta ha detto:

    bello!!
    p.s una domanda quando prepari la cena gli fai vedere due cartoni?io ero partita da talebana .. no cartoni, no peppa ma quando mi ritrovo sola a cucinare con lei che è stanca, la tv è una salvezza, solo mezz’oretta però:) lei ha quasi 2 anni

    Mi piace

    • LaSam ha detto:

      Beh, parliamone… Ho due gemelli e anche io devo andare al bagno ogni tanto, per dire, o cucinare o respirare quindi ti capisco benissimo e anche qui si può sgarrare! La TV non è bandita da casa nostra è solo che preferiamo altre cose. La tecnologia la amo molto e per esempio ho scaricato tantissime applicazioni adatte a loro su iPad…e davvero fanno più della TV!

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...