La giornata mondiale della prematurità

Tutti ma proprio tutti, persino la postina, la signore della frutta, la ginecologa, mia nonna, il primo passante in strada, mi dicevano in continuazione : i gemelli nascono prematuri, sempre.
MegaManager e suo fratello gemello sono nati di 6 mesi.
Mia nonna ha partorito due gemellini a nemmeno 6 mesi di gestazione e purtroppo loro sono nati nel periodo storico e nel posto sbagliato e non ce l’hanno fatta.

Ho scoperto poi che non è SEMPRE così.
Non serve essere gemelli per essere prematuri.
E la prematurità oggi è gestita egregiamente in moltissimi ospedali.

Nel Mondo, 1 bambino su 10 nasce prematuro, e in Italia, ogni anno, sono circa 30.000-35.000 i neonati pre-termine, bambini nati prima della 37esima settimana di gestazione o a termine ma di basso peso.

Mi sembra un bel numero.

Continua a leggere

7 consigli spassionati ad una futura mamma di gemelli

Quando scopri di aspettare due gemelli, non dico che ti casca il mondo addosso ma poco ci manca.
Io, quel momento lì, non me lo dimenticherò mai.
Non mi sono mai sentita così dentro ad un cocktail di emozioni esplosive, tipo frullato dal gusto dolce/amaro.

Il primo pensiero è stato “oh cazzo no ti prego, non a me“.

I successivi 3 secondi mi sono bastati per realizzare il seguente pensiero: “tata però pure tu…tuo marito è un gemello, tua nonna ha avuto due gemelli (lasciamo stare che poi la gravidanza si è interrotta troppo presto…ecco no oddio, succede di sicuro anche a me!!!), i tuoi cugini sparsi per il mondo hanno gemelli…ce l’hai nel sangue, non si scappa“.

Poi ho riso.

Poi ho pianto.

MegaManager saltellava da un piede all’altro con un sorriso ebete, ripetendo come un mantra “non ci credo, che storia, come me, gemelli, ah che figata“. E io lo volevo morto.

Continua a leggere

Per non dimenticare nulla della tua gravidanza

Confesso che ho un’ossessione.
L’oblio dei particolari.
Ero già una con i post-it appiccicati anche in fronte, in bagno, sulle scarpe che sono il top per ricordarsi tipo di prendere le chiavi della macchina o la spazzatura da buttare prima di uscire.
Insomma sì, non ho una gran memoria nemmeno per le macro-attività, figuriamoci per quei dettagli che ti arrivano come un’illuminazione e poi tendono a sbiadire dopo un po’.
Tipo il primo sfarfallio che senti in fondo in fondo alla pancia, che subito non ti sembra vero sia un calcio di un mini piedino.
Tipo il primo dentino che spunta.
Tipo il primo abbraccio vero e con un senso dei miei nani.
Ci sono milioni di modi per tenere vive queste che sembrano piccolezze ma che se le riscopri dopo qualche anno ti strappano sempre un sorriso.
Io scrivo.
E allora ecco quello che mi si è riproposto oggi.

20140717-123112-45072656.jpg

20140717-123112-45072971.jpg

20140717-123440-45280081.jpg

Si può personalizzare partendo dalla Data Presunta del Parto (DPP), andando a ritroso fino a scoprire il giorno del concepimento.
Ogni giorno vi da un consiglio utile sulla cura del bambino, trucchi per stare meglio in gravidanza e citazioni famose a tema.
Vi racconta anche lo sviluppo del feto giorno per giorno e vi chiede di prendere nota del vostro umore, delle vostre voglie, dei movimenti del bambino.
Insomma secondo me è anche un regalo meraviglioso per una futura mamma.

Lo trovate anche qui:
<a href=”http://Il diario della gravidanza. Giorno per giorno un’attesa serena e in perfetta salute“>link