Prime volte: il giorno che conosci le maestre di tuo figlio

Oggi sono fresca fresca di una delle mille prime volte che una mamma si trova ad affrontare nel percorso natura Mammitudine.

Il colloquio individuale con le maestre della scuola dell’Infanzia.

Chevelodicoaffa.

Stanotte ho avuto gli incubi. In un mix agghiacciante tra ricordi reali e fantasia, mi si sono riproposti a turno i miei tormentoni: la suora gigante dell’asilo, la maestra Marta delle elementari che mi diceva che non sapevo parlare italiano, il professore di tecnica delle medie che tracciava dei gran segni rossi sui miei poveri disegni sbilenchi, il professore di storia e filosofia del liceo che era il terrore dei sette-quattordici e forse anche mille mari.

Tutti in compagnia a ricordarmi che dai traumi della scuola non se ne esci mai fino in fondo, come da quelli di famiglia d’altronde.

Mi sveglio in prenda all’ansia di fare la solita figura della mamma giovine e quindi rincoglionita, che in questi giorni al parco mi sono accorta sia il nuovo clichè 2.0, architettato dalle madri di nuova generazione, una schiera di quarantenni dal tacco 12 e camicia immacolata (sì, al parco coi figli), dotate di nuvole di capelli vaporosi e un’autostima da fare invidia ad MM.

Mi abbiglio per assomigliare ad una quarantenne in carriera poi mi rendo conto che ho il dovere di essere me stessa sempre, specialmente in un contesto importante come questo, specialmente davanti a chi parteciperà all’educazione dei miei figli perciò mi cambio. 

Mi ricambio un’altra volta, perché va bene essere sè stessi ma sembrare una quindicenne in gita scolastica, anche no.

Parto armata delle migliori intenzioni e del sorriso da “vi capisco e vi stimo“.

Mi abbrancano in due, una bella donna elegante e pacata e una resdora romagnola in pieno stile. 

“Buongiorno, siamo le maestre dei suoi figli. Neanche a dirlo, i gemelli in questa scuola vengono divisi. Se avete obiezioni, fatele alla dirigente scolastica”.

Ok, nessuna novità, me lo aspettavo e tutto sommato, dopo aver letto in questi mesi tutto e il contrario di tutto da parte di genitori, psicologi, pedagoghi riguardo alla spinosa diatriba “gemelli a scuola insieme o divisi“, ho deciso di seguire il mio istinto e di lasciare che dividessero i Cinni. Sono due persone diverse, hanno caratteri molto diversi, in cuor mio credo sarà di giovamento per ciascuno di loro il sentirsi unico, speciale, con una propria vita di classe, amici, maestra per poi tornare nel nido famiglia e condividere con tutti noi, fratello compreso, il loro personale punto di vista.

Ma questo non conta, bisogna sbrigarsi.

Seguono 20 minuti. 

Intensi.

Devo condensare i miei figli in qualche crocetta e in qualche minuto e a me sembra che i miei figli non si riesca proprio a condensarli nemmeno volendo, poi mi ricordo che sono la madre, sono di parte, sono una delle tante, siamo tutti numeri e mi prende lo sconforto.

Concludo rapidamente, sollecitata dalla frase tormentone della maestra Marta, che mi sento ripetere dalla resdora: “se non ci muoviamo, non riusciamo a finire“.

Esco con la sensazione che ho sbagliato qualcosa. Forse universo.
Ma questo è solo perché io sono la madre. O almeno credo.

image

Annunci

2 pensieri su “Prime volte: il giorno che conosci le maestre di tuo figlio

    • LaSam ha detto:

      Perché ovviamente c’erano altre mamme dopo di me ma questo atteggiamento da “presto che è tardi”, nel bel mezzo di una chiacchierata volta a conoscere meglio i miei figli mi ha messo addosso una tristezza infinita…ma si sa…sono slow di natura…e sogno una scuola dove ogni piccola personcina conta tantissimo

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...