Appunti sparsi di sopravvivenza alla fase dei capricci ovvero avere due gemelli è un gran casino

​​Sono spettatrice di un fenomeno meraviglioso e tragico assieme.

I Cinni stanno passando di livello, stile supersayan ma con meno super poteri e capelli a punta ossigenati.

Siamo passati alla fase “io esisto dunque comando io”, moltiplicato per due.

Hanno imbracciato le armi e al canto di “oh bella ciao” stanno tentando in coalizione di liberarsi di me (perché la tentazione di scappare alle Hawaii è veramente forte in questi momenti) a suon di capricci, ribellione, crisi isterica, testate.

Una sorta di pre-adolescenza a due anni e mezzo. Una figata, insomma.

Dopo l’iniziale sconforto e i relativi pianti da liceale chiusa in bagno a suon di “tu quoque, Brute, fili mi“, sono passata all’azione e ho interiorizzato qualche concetto di base che spero mi aiuterà a sopravvivere a questo livello del MammaGame.

– i miei figli hanno bisogno di questa fase. Anzi la DEVONO vivere tutta, fino in fondo perché è un modo per rinsaldare la loro personalità e per conoscere sè stessi e il loro essere altro da me.

– il loro umore mutevole, da angelo che sbatte le ciglia a ripetizione e mi aiuta pure a svuotare la lavastoviglie a Satana con le convulsioni, è la spia di un conflitto interiore tra il desiderio di essere autonomo e la necessità di conservare il mio affetto. E la tensione destabilizza chiunque, figuriamoci un duenne.

– il capriccio non è nulla di personale nei miei confronti, non lo fanno per vedermi a pezzi ma per comporre i loro, di pezzi, e andare a scoprire il loro essere individui. Affascinante.

– ho due gemelli, non due fotocopie. Riccardo ha un temperamento istintivo e passionale, Alessandro è più riflessivo. Non posso trattarli allo stesso modo, per quanto la tentazione sia forte, quindi non posso pretendere di rivolgermi a loro con la stessa modalità o avere le stesse reazioni. Semplice e agevole come avere un tampax e fare la ruota no?

– i gemelli si influenzano. Sono diversi, è vero, ma tendono ad identificarsi con il fratello e questo complica ancora di più le cose. Per loro il lavoro di identificazione del proprio io è doppio: sono “altro” rispetto a mia madre ma anche rispetto a mio fratello. Non vorrei essere nella loro testa in questo momento, deve esserci tipo la Terza Guerra Mondiale.

ignorare comportamenti isterici li rende inoffensivi. Non dare importanza a capricci e scenate ma lasciare che i Cinni sfoghino (in sicurezza) il loro stress e malessere per liberarsene è la strada giusta da seguire. Dopo aver provato parecchie alternative, lasciare che imparino da soli a gestire la frustrazione di un mio divieto è la via che mi permette di non impazzire a mia volta e di far sì che l’episodio finisca nel giro di pochi minuti. Ovvio che non funziona con la ripetizione….lo faranno ancora e ancora e ancora…ho già detto ANCORA e ogni cinque minuti?!?

resistere. Non posso buttarmi per terra piangendo pure io o urlargli contro o peggio ancora cedere e dargli quello che vogliono. Esempio positivo, sempre.
Sfoggiare un bel sorriso e fingere che non sia successo nulla. Viva la nonchalance.

E no bambino, non puoi giocare con una pentola piena di acqua bollente dove fra 2 minuti butterò la pasta.

– evitare di rompere le palle su piccoli dettagli: scegliti i vestiti o la merenda e chiudiamola qui.

non durerà per sempre. FASE presuppone che poi passo al livello successivo, il che non ho ancora ben chiaro se sia elettrizzante o terrorizzante. Credo un giusto mix delle due cose.

– parlare con esseri adulti e comprarsi una bottiglia di vino buono. Sono una mamma, non sono una santa.

E che qualche divinità ce la mandi buona.

IMG_0932

Annunci

5 pensieri su “Appunti sparsi di sopravvivenza alla fase dei capricci ovvero avere due gemelli è un gran casino

  1. Marzia ha detto:

    Tranquilla : è una fase e passerà!
    Io non ho avuto gemelli ma per la mia esperienza posso consigliarti di dare pochi NO e mi raccomando TUTTI motivati. Non sono capricci ma è semplicemente il testare fino a che punto possa arrivare la loro volontà e ….soprattutto i tuoi nervi.
    devi avere taaaaaanta pazienza.

    Tu mando un abbraccio. …e tanta, tanta comprensione. ….

    Liked by 1 persona

  2. mammagisella ha detto:

    Come ti capisco…. personalmente, avendo vissuto sia l’ esperienza con la bimba singola, sia con i gemelli, credo che la sfida più grande sia riuscire a mantenere il giusto equilibrio ed evitare le disparità di trattamento! Io con i gemelli alle volte mi sento avvilita. È mooooolto più dura che con un figlio solo! Coraggio Sam!!

    Liked by 1 persona

  3. momfrancesca ha detto:

    Sam, hai detto tutto tu, nient’altro da aggiungere. Porta pazienza, nel tuo caso ti servirà doppia. È una fase, ne verranno altre migliori, altre peggiori, insomma, sarà sempre un gran bellissimo macello con i bimbi! Un pat-pat di incoraggiamento!Forza!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...